Legumi: i protagonisti della tavola

Legumi: i protagonisti della tavola

I legumi saranno i protagonisti dell’anno grazie al loro effetto  positivo sulla nostra salute e il 2016, per espressa dichiarazione dell’ONU,  sarà l’Anno Internazionale dei legumi, considerati super alimenti, più economici delle proteine animali, saporiti, nutrienti e ideali mezzi di sussistenza, tanto da essere introdotti nella dieta alimentare delle parti, persino, più povere del pianeta.

“I legumi – così ha sostenuto José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO – sono importanti coltivazioni per la sicurezza alimentare di una grande percentuale della popolazione mondiale, in particolare in America Latina, in Africa e in Asia, dove sono parte delle diete tradizionali e spesso coltivati dai piccoli agricoltori, che, per secoli, sono stati una parte essenziale delle diete umane, anche se il loro valore nutrizionale non viene generalmente riconosciuto e, anzi, spesso sottovalutato”.

Durante la cerimonia di lancio, dello scorso novembre, diffondendo lo slogan “semi nutrienti per un futuro sostenibile” l’ONU ha inteso sostenere il consumo dei legumi, perché, coma ha dichiarato, a sua volta Ban Ki-moon, Segretario Generale dell’ ONU, “possono contribuire in modo significativo ad affrontare la fame, la sicurezza alimentare, la malnutrizione, le sfide ambientali e la salute umana”, intendendo, così, incrementare la produzione e il commercio di un alimento, spesso sottovalutato, ma in grado, di apportare enormi benefici all’intero organismo, soprattutto, con un consumo abituale.

legumi

legumi

legumi

I legumi, insomma, sono davvero un alimento prezioso per la salute e centinaia sono le varietà coltivate, ovunque nel mondo, sono, infatti, ricchi di proteine, di aminoacidi e di vitamine del gruppo B, a basso contenuto di grassi, contengono molte fibre e sono ottimi, per ridurre il livello di colesterolo nel sangue e per mantenere in salute l’intero apparato digerente, infine, per il loro alto contenuto di sali minerali e oligoelementi, servono a curare l’anemia nei bambini e nelle donne, ingredienti protagonisti della dieta mediterranea, utili a prevenire malattie come il diabete e le patologie dell’apparato cardio-circolatorio.

In particolare :

  • I fagioli abbassano la pressione
  • Le fave puliscono il colon ed evitano la stipsi
  • La soia protegge le donne dal pericolo di cancro al seno
  • Le lenticchie sono ricche di antiossidanti
  • I ceci riducono i trigliceridi e il colesterolo

Infine grazie alle loro proprietà, sono anche utili per l’ambiente circostante, infatti fissano l’azoto, migliorano la fertilità del suolo, con notevole risparmio di fertilizzanti chimici o sintetici, riducono le emissioni di gas e, in generale, l’effetto serra, promuovono la bio diversità e hanno un impatto ambientale bassissimo.

Prendiamo allora l’abitudine, di consumare un piatto dei nostri legumi preferiti, ricordando, di mettere in ammollo, per almeno 12 ore, i legumi secchi, cambiando un paio di volte l’acqua prima, di iniziare a cuocerli, di aggiungere il sale solo alla fine, di unire all’acqua di cottura poche erbe aromatiche, come alloro, salvia, rosmarino, per renderli più digeribili e di portare a tavola, almeno 2 o 3 volte a settimana, un gustoso piatto di fagioli, fave, piselli o lenticchie, per preparare squisiti primi piatti in abbinamento alla pasta o al riso e confortevoli zuppe, ottime anche con l’aggiunta di cereali o verdure, così da celebrare anche sulle nostre tavole l’Anno Internazionale dei Legumi.

La Cuoca Galante – Food blogger Napoli

 

 

Tendenze culinarie, cucina gourmet e food news per una raffinata cucina prêt à manger!

, , ,

Nessun commento ancora.

Lascia un commento

Translate »