L'arrosto perfetto

L’arrosto perfetto

L’arrosto perfetto si realizza con poche, semplici regole, perciò se avete letto attentamente la storia dell’arrosto, come vi ho raccontato qui, non vi resta, che seguire le mie indicazioni, per ottenere un “arrosto della domenica” praticamente perfetto, tenendo presente che, con il termine arrosto, ci si riferisce solitamente ad un tipo di cottura, che può essere allo spiedo, al forno o su fiamma e che solo negli ultimi due casi prevede una rosolatura iniziale a fuoco alto, che prosegue, poi, a calore costante e che è adatta a cuocere parecchi tipi di carne, come il manzo, il maiale, il tacchino o il pollo, senza dimenticare, inoltre, che, per ottenere, un buon arrosto non servono mai di tempi di cottura molto prolungati, soprattutto se la carne scelta è di ottima qualità.

arrosto

arrosto - perfetto

Una cottura lunga difatti è indispensabile solo se si sono acquistati tagli poveri o ricchi di collagene, che richiedono tempi più lunghi, perché hanno bisogno di calore prolungato per diventare più teneri.
Per il nostro arrosto, allora, scegliamo tagli di carne con poco collagene, come il filetto, lo scamone, la noce di vitello o la spalla e seguendo queste poche, indispensabili regole, realizzeremo un secondo di carne davvero saporito, tenendo presente che la cottura di un arrosto di manzo è diversa da quella del vitello o del maiale; infatti, mentre il manzo va cotto al sangue, il vitello o il maiale devono cuocere perfettamente e ad una temperatura costante ed uniforme, in ogni caso almeno un’ora prima di iniziare a cucinare l’arrosto, ricordiamoci, di estrarlo dal frigorifero e di tenerlo a temperatura ambiente.

arrosto

arrosto

La Cuoca Galante – Food blogger Napoli

Tendenze culinarie, cucina gourmet e food news per una raffinata cucina prêt à manger!

Valutazione Ricetta

  • (4.9 /5)
  • 15 ratings

Ricette Correlate

Translate »