Caponata

Caponata

Una delle prime ricette della caponata è apparsa nel libro di Ippolito Cavalcanti  “La cucina teorico-pratica con corrispondente riposto“, pubblicato a Napoli nel 1839 e descrive la versione antica di un piatto fatto con “pane biscottato, spugnato con aceto e condito con olio, sale, pepe e un po’ di zucchero, sormontato da lattuga e scarola tritate e marinate, aceto, olio, sale e pepe e terminata con pesce capone, o sgombro, lessato e calato su cetrioli, olive e peperoni”.

In seguito, o forse ancora prima, ma la notizia non è certa, è stato il popolo, legato alla coltivazione degli orti e della terra, ad aver iniziato, a sostituire al pesce le melanzane e a gettare, così, le basi della caponata nella sua attuale preparazione.

L’evoluzione di questo piatto a piatto popolare, preparato con le melanzane e non più con il pesce, è stata, infatti anche ritrovata in un trattato culinario del XVI secolo di Domenico Romoli detto il “Panunto”, che, nel suo “La Singolar Dottrina“, ha descritto il piatto “redatto” con melanzane, carciofi, aceto, zucchero, capperi, olive e sedano, dal sugo classicamente agrodolce  e con la presenza in molti casi di uva passa e pinoli.

caponata

caponata

Tutte le ricette utilizzate, in seguito, per la preparazione della caponata sono, quindi, per la maggior parte, varianti o rielaborazioni, in cui ciascuno toglie o aggiunge, scrive o riscrive la storia di un piatto, che sembra, proprio per questo, affondare le proprie origini in radici abbastanza incerte, quale mutevole punto di incontro tra flussi di possenti maree e secolari culture: la teoria più accreditata, sembra essere, comunque, quella fa risalire l’origine del nome caponata al suo essere riconducibile al capone, il nome siciliano, usato per definire il pregiato pesce lampuga e che, a causa delle sue carni particolarmente asciutte, veniva sempre servito fritto e accompagnato dalla salsa agrodolce, che richiama, appunto nel gusto, la moderna caponata, grazie a quel suo particolare sugo, che faceva da contorno al pesce, alle melanzane fritte, ai carciofi e, in genere, alle verdure.

Questa, che vi propongo oggi, è invece una caponata leggera, da preparare solo con melanzane, peperoni e zucchine, senza il tradizionale pomodoro: un’ennesima e squisita, variante, che vi suggerisco, di assaggiare assolutamente.

La Cuoca Galante – Food blogger Napoli

Tendenze culinarie, cucina gourmet e food news per una raffinata cucina prêt à manger!

Valutazione Ricetta

  • (5 /5)
  • 15 ratings

Ricette Correlate

Translate »