Spaghetti alla puttanesca

Spaghetti alla puttanesca

La storia sulle origini degli spaghetti alla puttanesca è trita e ritrita, assolutamente priva di originalità ovunque, tanto che, nella mia versione estiva su questo sugo, avevo già provato, ad aggiungere al mio piatto l’ingrediente della passione, raccontandovi di Yvette la francese, una famosa “venditrice di profumo” dei Quartieri Spagnoli, che preparava ai suoi clienti, dopo ogni incontro amoroso,  una squisita e abbondante porzione di spaghetti alla puttanesca,  per “provare a mettere l’amore sopra ogni cosa” anche lei proprio come Bocca di Rosa.

E ancora oggi deve essere così: per un buon piatto di pasta alla puttanesca l’ingrediente principale deve essere l’amore, quello che si mette, quando si desidera, preparare un piatto squisito in pochissimo tempo, partendo dalla caldaia dell’acqua che bolle e senza alcun rigido riferimento a tempi o a dosi, perché a Napoli la puttanesca è davvero un piatto d’amore, che si cucina, quando non si ha niente di meglio, da portare a tavola, ma non si vuole rinunciare al gusto e al sapore.

spaghetti alla puttanesca

spaghetti alla puttanesca

Un piatto di spaghetti alla puttanesca basta, a mettere tutti d’accordo, veramente con poco: servono solo pochi ingredienti e pochissimo tempo, per cucinare un primo piatto saporito, profumato e veloce, che è diventato, negli anni, il simbolo della cucina napoletana, amato e apprezzato praticamente ovunque.

E, allora, la prima regola, da seguire, per preparare una buona pasta alla puttanesca, sia quella di abbandonare l’idea di una ricetta e di affidarvi al vostro istinto, prendete solo:

–  dei pomodori, magari anche una scatola di pelati,

 qualche oliva di Gaeta,

 un pugno di capperi,

  uno spicchio di aglioun trito di prezzemolo 

metteteli nella padella e preparerete uno spaghetto dal gusto inteso, squisito e indimenticabile.

spaghetti-alla-puttanesca

spaghetti alla puttanesca

Questa ricetta degli spaghetti alla puttanesca, insomma, vuole essere solo un suggerimento, che potrete anche scegliere di non seguire: la vostra pasta sarà certamente ottima lo stesso, purché non abbiate dimenticato, di mettere nell’esecuzione della ricetta tutto il vostro amore.

E ricordate, per una pasta alla puttanesca buona davvero, fatta in fretta e all’ultimo minuto, l’ingrediente fondamentale deve essere la vostra passione, quella stessa che provava Yvette: perché la puttanesca perdona tutto ma non tollera la mancanza d’amore.

A proposito sapete, che la pasta alla puttanesca era anche uno dei piatti preferiti da Audrey Hepburn ???

La Cuoca Galante – Food blogger Napoli

Tendenze culinarie, cucina gourmet e food news per una raffinata cucina prêt à manger!

Valutazione Ricetta

  • (5 /5)
  • 30 ratings

Ricette Correlate

Translate »