Puntarelle alla romana

Puntarelle alla romana

L’insalata di puntarelle alla romana, uno dei piatti caratteristici della cucina romana, si prepara utilizzando i germogli interni della cicoria catalogna, più nota a Roma come cicorione, una verdura gustosa e saporita, presente sul mercato in ogni stagione e che merita, per questo, giustamente il titolo di evergreen della tavola.

E, se preparare un’insalata di puntarelle alla romana, è davvero facilissimo, poiché, per condirla, vi occorrono soltanto pochi filetti di acciughe sott’olio, qualche spicchio di aglio schiacciato, olio extravergine e succo di limone, più difficile è pulire alla perfezione il nostro cespo di cicoria e ricavare delle puntarelle croccanti e perfettamente arricciate.

puntarelle alla romana

Ma come si puliscono le puntarelle ?

Prima di tutto scegliete con cura il vostro cespo di cicoria, che deve avere foglie di un bel verde intenso.

Poi, dopo aver aperto il cespo della cicoria ed aver eliminato i residui di terra, separate i germogli interni dalle foglie esterne più dure, che sono comunque perfette da ripassare in padella e sciacquateli sotto l’acqua corrente.

A questo punto tagliate alla base il cespo della cicoria, per eliminare la parte dello stelo più coriacea e poi, con l’aiuto di un coltellino affilato, tagliate ogni puntarella prima a metà nel senso della lunghezza e poi via via in strisce sottili, sottili e immergetele in un acqua e ghiaccio per almeno un’ora.

Tenere in ammollo in acqua ghiacciata le puntarelle serve, non solo ad addolcirne l’amaro, ma, soprattutto, a renderle arricciate.

Così pulite e tagliate, potete conservare le puntarelle in frigorifero, avvolte in un canovaccio umido circa per un paio di giorni, tuttavia, per non perdere la loro caratteristica “croccantezza” è meglio consumarle subito.

Soprattutto dopo averle condite, è meglio non conservarle, perché si ammorbidiscono e assorbono il condimento.

puntarelle alla romana

puntarelle-all-insalata

Le puntarelle ricche di acqua, di sali minerali tra cui calcio, potassio e fosforo e di vitamine, in particolare, del gruppo A e del gruppo C e povere di calorie, svolgono un’azione diuretica e aiutano, a ridurre l’assorbimento degli zuccheri.

Inoltre per l’alto contenuto di fibre, sono consigliate, a quanti soffrono di stitichezza, mentre, grazie al buon contenuto di inulina, favoriscono anche la digestione.

puntarelle alla romana

Comunque se desiderate provare le puntarelle non solo crude, ma appena saltate in padella, ecco un’altra facilissima ricetta, ottima per condire un piatto di pasta.

Mettete sul fuoco l’acqua per la pasta e, intanto, in una padella, soffriggete due spicchi di aglio e un peperoncino piccante in olio extravergine, spegnete il fuoco, aggiungete i filetti di acciuga, stemperate bene e saltate le puntarelle nel condimento. Scolate la pasta al dente, ripassatela nella padella e completate con del pane grattugiato o con delle briciole di tarallo.

Insomma, sia crude che cotte, non rinunciate, a preparare un piatto leggero, saporito e, soprattutto, perfetto con le vostre puntarelle.

La Cuoca Galante – Food blogger Napoli

Tendenze culinarie, cucina gourmet e food news per una raffinata cucina prêt à manger!

Valutazione Ricetta

  • (5 /5)
  • 10 ratings

,

Ricette Correlate

Translate »