Zuppa di orzo

Zuppa di orzo

Troviamo pure conforto in una zuppa, calda e confortevole, perché è terapeutica, ristora e dà forza, come affermano Maria, la scrupolosa domestica di Zeno Cosini e anche quella buona donna, che va, a prendere Lucia al castello dell’Innominato e che, dopo averle servito, a casa propria, una scodella di buon brodo di cappone, guarnita con fette di pane, vede la poverina “riaversi ad ogni cucchiaiata.”
Il termine zuppa, è di origini davvero molto antiche, deriva infatti dal greco “suppa” e serve, ad indicare delle “fette di pane inzuppato”, che avevano nel Medioevo e, forse ancor prima, la funzione, di servire da piatti per gli altri ingredienti, come le carni e le verdure.
Diversamente dalle minestre, la cui origine, è da ricercarsi, invece, nel verbo “minestrare” che rimanda, stavolta, al latino e che significa, servire o amministrare, in quanto il piatto veniva servito da un membro della famiglia a tutti gli altri, rendendolo così espressione per eccellenza della convivialità.

zuppa di orzo

zuppa di orzo

Due parole e due origini, dunque, che richiamano entrambe la presenza delle zuppe e delle minestre nella storia della tavola e della cultura gastronomica degli uomini, come piatti a base di acqua, carne e verdure, laddove il ruolo dell’acqua, poi sostituito dal brodo, era quello di ammorbidire e mescolare meglio tra loro tutti i loro componenti.
Questa zuppa di orzo appartiene, quindi, alla tradizione e vanta, tra gli ingredienti, un enorme numero di varianti: è un piatto semplice, molto saporito, certamente di origine popolare, come tutte le zuppe, destinate, in passato, al consumo delle classi meno abbienti, che non potevano permettersi, di acquistare la carne o il pesce.
L’orzo (HordeumVolgare), l’ingrediente, che ho scelto per realizzare questa zuppa, è un cereale anch’esso antico e versatile, che appartiene alla famiglia delle graminacee, ha chicchi ricchi di proteine e amido, utilizzati anche nella produzione di birra e whisky, rinforza l’organismo, tanto da essere considerato, nell’antica Roma, il cibo preferito dai gladiatori, è facilmente digeribile, ricco di calcio e di potassio, disintossica l’organismo, soprattutto l’intestino, è indicato nella cura delle gastriti e delle coliti e, come tutti i cereali, costituisce la base alimentare del mondo intero ed è praticamente simbolo di vita e di storia.
Confortiamoci, allora, così … semplicemente con una zuppa di orzo.

La Cuoca Galante – Food blogger Napoli

Tendenze culinarie, cucina gourmet e food news per una raffinata cucina prêt à manger!

Valutazione Ricetta

  • (5 /5)
  • 17 ratings

Ricette Correlate

Translate »